Niantic fa chiarezza sulle tre orme e su Pokévision

0
22615

Con l’arrivo dell’ultimo aggiornamento di Pokémon GO quasi la totalità degli utenti sparsi per il mondo si aspettavano, o perlomeno speravano, che Niantic correggesse quel fastidioso bug delle impronte, le quali servivano per comprendere al giocatore quanto fosse distante da un Pokémon.

Prima del suddetto aggiornamento, tutti i pokémon indistintamente dalla reale distanza in cui si trovavano, venivano segnalati dal radar del gioco lontani tre impronte, rendendo quindi davvero difficile la cattura, mettendo il giocatore nelle condizioni di non aver alcun punto di riferimento per comprendere dove fosse effettivamente il mostriciattolo.

featured-image

Il tanto agognato aggiornamento però, non ha portato ad una risoluzione del problema, anzi, le impronte sono state totalmente eliminate dall’attuale versione del gioco.

Prima che l’applicazione venisse lanciata ufficialmente in Italia, il meccanismo delle impronte funzionava, poi a causa dei server non abbastanza potenti, questa dinamica di gioco è stata disabilitata a causa del gran numero di nuovi giocatori.

Per sopperire a questa mancanza, erano spuntate applicazioni come Pokémesh o siti come Pokévision, capaci di localizzare la posizione esatta dei Pokémon, ma Niantic e Nintendo hanno fatto chiudere entrambi i servizi (gestiti da terzi) spiegando con un post su Facebook le motivazioni di tale scelta.

 

Nel post si legge che questi servizi interferivano con la capacità di mantenere un’alta qualità di gioco agli attuali utenti ed a quelli futuri. Probabilmente perché ritenute eccessive le agevolazioni date ai trainers che non dovevano più andare a caccia, ma semplicemente aprire Pokémesh o Pokévision, controllare la posizione dei Pokémon e dirigersi a destinazione.

Niantic spiega anche che, seppur apprezzato da molti utenti, il vecchio metodo di segnalazione impronte era confusionario e non soddisfava pienamente gli standard ed i requisiti delle case produttrici.

Tranquillizza dunque tutti i giocatori, comunicando che in ogni caso la meccanica delle impronte è una priorità sulla quale stanno lavorando tantissimo.

Infine sta continuando il lancio dell’applicazione che a breve conquisterà il mondo, la prossima nazione che sarà popolata dai tanto amati mostriciattoli dovrebbe proprio essere il Brasile, Paese ospitante delle olimpiadi che inizieranno sabato 6 agosto, così da far divertire i tantissimi turisti di Rio che tra un salto in alto ed una gara dei 400 metri, potranno cominciare la loro nuova avventura nel mondo Pokémon.

Per il resto non ci rimane che aspettare ed attendere nuove notizie e nuovi aggiornamenti.

Commenti

commenti

Pokémon GO Italia sta organizzando Eventi in giro per l'Italia. Aiutaci a scegliere la tua Città! Vai alla pagina degli Eventi
Chiudi