Pokémon GO contro i suicidi in Giappone

0
1304

Il Giappone non è solo la terra natia dei Pokémon: da ormai molto tempo è anche tristemente conosciuto come un Paese che detiene un’altissima percentuale di suicidi l’anno.

Uno dei posti più ‘frequentati’ da queste persone che hanno deciso di farla finita è senza dubbio Tojinbo nella prefettura di Fukui.

Tojinbo è una località caratterizzata da coste frastagliate che si affacciano direttamente sul Mar del Giappone.

Nel triste luogo, nel quale sono molto praticati anche i suicidi di gruppo, sono stati registrati ben 150 decessi solo per quanto riguarda lo scorso anno.

00510_0002_tojinbo_tojinbo-is-famous-for-its-strange-stones_sub_pc_mini

Che cosa c’entra tutto questo con l’applicazione per dispositivi mobile di Niantic Pokémon GO?

E’ successo che proprio grazie all’app di Pikachu e compagni i suicidi sono enormemente calati negli ultimi mesi.

Come?

Secondo un comunicato ufficiale della polizia giapponese del posto, questo calo di suicidi sarebbe imputabile ai molti Pokéstop presenti. Essi avrebbero attirato in zona numerosissimi giocatori di Pokémon GO.

Un ex ufficiale di polizia, Yukio Shige, ha dichiarato di aver ottenuto testimonianze di persone che hanno rinunciato al folle gesto. Perchè? Per via delle troppe persone in zona.

Da molti anni il governo giapponese stava tentando di debellare questi gesti (ottenendo scarsi risultati), praticati principalmente in luoghi solitari, silenziosi.

Grazie alla famosissima applicazione di Niantic e, soprattutto, ai propri giocatori è stato ottenuto un riscontro fortunatamente positivo.

Commenti

commenti

Pokémon GO Italia sta organizzando Eventi in giro per l'Italia. Aiutaci a scegliere la tua Città! Vai alla pagina degli Eventi
Chiudi